Google Chrome, con Canary suggerisce articoli simili agli argomenti più letti

di Gio Tuzzi Commenta

Google Chrome si aggiorna con una nuova ed interessante funzione, appartenente però al momento solo alla variante beta Canary e permette il suggerimento a più articoli di uno stesso argomento

Google Chrome
Google Chrome

Continuano ad emergere novità in campo Google Chrome, il browser di stampo Google che ha intenzione di essere il primo in assoluto quando si tratta di navigare per i diversi siti del mondo web. Per questo sono state migliorate diverse funzioni legate alla navigazione web nell’ultimo periodo e per chi utilizza la versione beta di Google Chrome Canary, ecco spuntare un’altra novità che potrebbe rivelarsi più o meno utile per chi ha intenzione di scoprire più cose su un determinato argomento.

Più nel dettaglio infatti durante la navigazione web, quando si sta leggendo un articolo, ecco che sulla barra degli indirizzi di Google Chrome è apparso un nuovo pulsante che risulta essere dedicato in maniera esplicita al suggerimento di titoli correlati. Ciò significa che lo stesso browser, per mantenere più a lungo possibile la navigazione web, vi propone differenti punti di vista dell’argomento che state leggendo, così da essere più informati tenendo conto delle varie opinioni.

Come accennato al momento questo particolare pulsante è visibile solo per chi utilizza Google Chrome Canary, ma c’è un modo di poterlo abilitare anche per chi si ritrova con la versione 70 dell’applicazione. Bisogna infatti entrare nella sezione flags ed attivare le voci enable-contextual-suggestions-bottom-sheet e enable-contextual-suggestions-button. Con la comparsa di questo particolare pulsante, cliccandoci sopra si aprirà un pop-up dove saranno inseriti gli articoli suggeriti da poter scaricare anche per una lettura offline o aprirli in un altro tab.

Senza dubbio tale soluzione comporta un certo affollamento della barra degli indirizzi, sta poi a voi decidere se poter usufruire di tale opzione oppure lasciar perdere. In genere, viste le bufale che circolano sul web, non è male poter avere diversi punti di vista a cui affidarsi per avere un quadro generale dell’argomento trattato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>