Facebook acquista Instagram: come si mette per Google+?

di Giovanni Biasi Commenta

facebook instagram

La notizia è solo di qualche ora fa, e proviene direttamente dalla California. Facebook ha appena annunciato di aver raggiunto un accordo per acquistare Instagram, società specializzata nella condivisione di foto online principalmente su piattaforme mobili, per un totale di un miliardo di dollari. L’azienda di Zuckerberg afferma di voler concludere la cosa nel corso di questo trimestre. 

“Per anni”, è il buon Mark a parlare, “abbiamo focalizzato la nostra proposta sulla condivizione online di foto di amici e familiari. Ora, con questa acquisizione, saremo in grado di lavorare da vicino con la squadra di Instagram per offrire la migliore esperienza nella condizione di foto sui dispositivi mobili”.

Il fondatore di Facebook, inoltre, giudica l’acquisizione di Instagram un’importante pietra miliare per il social network, ma allo stesso tempo sottolinea l’improbabilità di altre azioni simili in futuro. “È la prima volta che acquistiamo un prodotto e una compagnia con così tanti utenti. Non abbiamo in programma molte azioni del genere, ed anzi, probabilmente non ne faremo più. […] La capacità di fornire la migliore condivisione di foto è una delle ragioni principali per cui le persone amano Facebook, e siamo convinti che valga la pena mettere insieme due compagnie come le nostre”.

E ora cosa succederà nel mondo del web? Facebook riuscirà a guadagnare ancora più spazio nel campo dei social, apparendo ancora così irraggiungibile per Google?
Già, perché se da Palo Alto non fanno che acquisire ed innovare, sembra quasi che a Mountain View, col loro Google+, si stiano prendendo una sorta di periodo di pausa. Certo, c’è stata l’acquisizione di Piknik qualche tempo fa, ma ci sembra manchi che al social network di big G manchi ancora qualcosa.. Qualcosa che possa renderlo, finalmente, unico e diverso dalle altre proposte che si trovano su internet.

Intanto, Facebook si appresta ad entrare in borsa, per un valore totale stimato a 100 miliardi di dollari…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>