Chrome OS: il file manager forse presto integrato con Dropbox e altri servizi cloud

di Giovanni Biasi Commenta

chrome os dropbox sharing

Vi piacerebbe vedere Dropbox, SugarSync, SkyDrive o altri servizi di cloud integrati all’interno del file manager di Chrome OS? Se usate spesso i servizi di archiviazione cloud, si tratta di una prospettiva che può sicuramente interessarvi. E sembra che la cosa interessi anche a qualcuno del progetto Chromium, come notato da Craig Tumblison, che pare stiano pensando di aggiungere questa feature all’interno del sistema operativo

Vi riportiamo di seguito l’intera descrizione della cosa, che in pratica consiste in un’API che permetta alle estensioni di integrarsi direttamente all’interno del file manager di Chrome OS.

L’idea di base è quella di permettere a un’estensione di comportarsi come fosse un “drive” all’interno del file manager di Chrome OS. Attualmente il file manager, sulla colonna di sinistra, ha “Download” e “Drive”, in cui appariranno i flash driver USB e gli archivi zip temporanei. L’estensione apparirà proprio qui e mostrerà la lista dei file tramite le nuove API.

Si noti che è già possibile usare, ovviamente, i servizi cloud su Chrome OS, solo che c’è ovviamente bisogno di farlo da browser, e scaricare e caricare online i file da lì. E questo, è chiaro, è sicuramente un processo molto più scomodo di un’eventuale presenza dei file interessati direttamente all’interno del file manager, come già accade nei sistemi operativi Mac o Windows.

Se la richiesta sarà approvata ed effettivamente sviluppata, il nuovo file manager di Chrome OS apparirebbe proprio come nell’immagine che vi abbiamo allegato qui sopra.
Cosa farà il team di Chromium? C’è da dire che la questione è un po’ complicata, in questo senso: ricordiamo che Chrome OS è già un servizio cloud di suo, e aprendo anche ad altri “favorirebbe” in un certo senso la concorrenza. Ma, dall’altro lato, si tratta di un’operazione assolutamente imprescindibile se si vuole competere con i sistemi operativi maggiori.

Noi, quindi, crediamo che vedremo presto novità in questa direzione.

via | GigaOM

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>